Tre esempi per riduttori customizzati.
Riduttori customizzati

I nostri esperti ingegneri ricercatori trovano sempre la soluzione ottimale per la vostra applicazione.A prescindere dai particolari requisiti della vostra applicazione, siamo in grado di sviluppare per voi un riduttore customizzato, esattamente sulla base delle vostre richieste.

PLE

Un riduttore epicicloidale senza eguali: massima efficienza anche a regimi di rotazione molto elevati.

Vai al prodotto
PLQE

Un riduttore semplice da montare che assorbe forze elevate con una generazione di calore ridotta.

Vai al prodotto
PLPE

Il riduttore economico con il miglior rapporto coppia/calore.

Vai al prodotto
PLHE

Questo si dice progresso. Il nostro riduttore epicicloidale unisce precisione e convenienza.

Vai al prodotto
PSBN

Il riduttore epicicloidale ad elevate prestazioni con dentatura obliqua per una rotazione particolarmente silenziosa.

Vai al prodotto
PSN

Il riduttore di precisione con dentatura obliqua per una rotazione silenziosa e carichi elevati sul cuscinetto in uscita.

Vai al prodotto
PLN

Il riduttore epicicloidale a tenuta perfetta con dentatura diritta offre prestazioni molto elevate senza mai perdere la rigidità necessaria.

Vai al prodotto
PLFE

Il riduttore epicicloidale più corto con elevata rigidità torsionale e flangia di uscita.

Vai al prodotto
PSFN

Il robustissimo riduttore di precisione con rotazione estremamente silenziosa e albero di uscita flangiato.

Vai al prodotto
PLFN

Il riduttore di precisione ad elevate prestazioni – semplice e rapido da montare.

Vai al prodotto
WPLE

Un riduttore epicicloidale angolare versatile, leggero ed economico.

Vai al prodotto
WPLQE

Il riduttore epicicloidale angolare con flangia di uscita quadrata - montaggio versatile ed ideale per carichi elevati.

Vai al prodotto
WPLPE

Il riduttore epicicloidale angolare è conveniente in termini di costi ed ideale per carichi molto elevati – montaggio versatile e lubrificazione a vita.

Vai al prodotto
WPLN

Il riduttore angolare versatile con dentatura elicoidale per una rotazione silenziosa.

Vai al prodotto
WPLFE

E’ il riduttore epicicloidale angolare più corto con albero di uscita flangiato e massima rigidità torsionale.

Vai al prodotto
WGN

Il riduttore angolare con dentatura elicoidale ad albero cavo – silenzioso e con sistema di accoppiamento sull’albero lento.

Vai al prodotto
HLAE

L’unico riduttore epicicloidale certificato nell'Hygienic Design, ideale per i processi di pulizia in sicurezza.

Vai al prodotto

Riduttori coassiali

In un riduttore coassiale l'albero di ingresso e quello di uscita si trovano sullo stesso asse di rotazione. I riduttori coassiali vengono eseguiti prevalentemente nella versione ad ingranaggi. I riduttori ad ingranaggi sono disponibili in diverse tipologie.

In un semplice riduttore a ruote dentate cilindriche gli assi delle singole ruote dentate cilindriche sono paralleli fra di loro e sono fissi. Il senso di rotazione dell'albero di ingresso e di quello di uscita viene stabilito dal numero delle coppie di ruote dentate e può essere sia nella stessa direzione sia in direzione contraria.

Anche se i semplici riduttori a ruote dentate cilindriche non rientrano fondamentalmente nella categoria dei riduttori coassiali, la coassialità si può ottenere con due coppie di ruote dentate per un totale di quattro ruote dentate, due delle quali sono disposte parallele su un asse.

Una forma costruttiva particolare di riduttore coassiale è quella del riduttore epicicloidale. Contrariamente al semplice riduttore a ruote dentate cilindriche, in un riduttore epicicloidale non tutti gli assi sono fissi. Inoltre una ruota dentata cilindrica è realizzata con dentatura interna. In un riduttore epicicloidale diverse ruote dentate cilindriche ruotano su un'orbita concentrica fra una ruota a dentatura interna e una a dentatura esterna. Per questo i riduttori epicicloidali vengono generalmente chiamati anche planetari. La disposizione coassiale di albero di ingresso e albero di uscita è data già dalla struttura specifica di questo riduttore coassiale.

Un'altra peculiarità del riduttore epicicloidale consiste nel fatto che non tutte le ruote dentate cilindriche devono ruotare attorno al proprio asse di rotazione per trasmettere una coppia. Di norma la ruota dentata cilindrica con dentatura interna è fissa, per questo albero di ingresso e albero di uscita si muovono nella stessa direzione.

Rispetto ai semplici riduttori a ruote dentate cilindriche, i riduttori epicicloidali presentano una potenza elevatissima. Questo perché la coppia può essere distribuita sulle ruote dentate cilindriche in rotazione e quindi su più ingranamenti dei denti. Di conseguenza è possibile ottenere una realizzazione compatta ed un rendimento ottimo. Sono inoltre realizzabili rapporti a più stadi con una semplice disposizione seriale nella stessa ruota dentata cilindrica a dentatura interna. Il rapporto complessivo si ricava dal prodotto dei singoli rapporti di ogni stadio planetario.

La conversione di velocità e coppia avviene in modo analogo ad un semplice riduttore a ruote dentate cilindriche. Con un rapporto di 10:1, ad esempio, la coppia viene aumentata del fattore 10 e la velocità ridotta dello stesso fattore.

 

I vantaggi dei riduttori coassiali:

  • Albero di ingresso e albero di uscita coassiali
  • Ottimo rendimento
  • Ottima potenza
  • Realizzazione compatta
  • Idoneità ad una vastissima gamma di applicazioni
  • Semplicità di realizzazione di riduttori a più stadi e, quindi, di rapporti elevati

 

 

Avete domande?
Contattaci!